La storia dell’Ayurveda: la medicina indiana

Ayurveda la medicina indiana

Si tratta di una medicina orientale indiana, nata migliaia di anni fa, basata sul pensiero che le malattie derivano da uno scompenso della nostra energia vitale e nel gergo ayurvedico si definiscono come dosha. L’Ayurveda cura con le piante e i metalli, insieme ad un esercizio fisico, alimentazione sana, massaggi e meditazione, punta alla ricostruzione delle energie vitali tramite queste pratiche; devo dire che dopo aver provato una giornata in una clinica Ayurvedica indiana, mi sentivo davvero rinata. Queste pratiche, soprattutto i massaggi terapeutici con oli e altre forme di cura del corpo, si sono diffuse molto velocemente in tutto il mondo, e oggi troviamo pratiche di questa medicina orientale, davvero in tutto il mondo.

Le cose sembrano andare benissimo fino a quando ci si limita ad utilizzare le terapie di massaggi, ma le cose sembrano cambiare quando si entra nel mondo delle medicine naturali dell’Ayurveda, perché è stato scoperto che molte persone che avevano acquistato medicinali naturali di questo tipo in India, siano stati intossicati di Piombino, mercurio, arsenico e altre sostanze nocive per il nostro corpo. Sono state analizzate delle persone che avevano cominciato queste terapie naturali, senza controllo medico o di un erborista specializzato, ed purtroppo molti pazienti hanno riscontrato un livello tossicità nel sangue.

Partiamo dal presupposto che siamo a favore della medicina naturale, perché non è invasiva e appunto ci si cura con la natura, ma in realtà bisogna sempre affidarsi a dei professionisti, delle medicine naturali e non, senza ricorrere ai reparti da soli, soprattutto se non ci sono le conoscenze giuste. Non bisogna infatti dimenticare che molte radici utilizzate nell’Ayurveda, sono state poi utilizzate nella medicina tradizionale, grazie alle loro proprietà effettive, per cui se esiste da migliaia di anni, questa ,edicola orientale può sicuramente apportare i suoi benefici.

Ma se non si conosce sulla materia in generale, non si dovrebbe mai e poi mai comprare dei preparati senza conoscerne la provenienza, la lavorazione e il contenuto vero e proprio. L’auto guarigione non consiste in tutto ciò, ma più in uno stato mentale, nel quale aiuti il tuo fisico e la tua mente ti aiutano a migliorare la tua salute; se si pensa di non stare bene ci si deve sempre rivolgere a dei professionisti, riconosciuti e certificati per lo svolgimento della loro professione.

Ayurveda CON erboristi o medici professionisti

La possibilità di utilizzare le piante, le radici e i minerali per curarci fa parte di questa antica filosofia e medicina, grazie all’Ayurveda abbiamo conosciuto metodi naturali efficaci per migliorare il nostro benessere psicofisico, ma bisogna affidarsi a professionisti sempre e comunque.

Questa regola dovrebbe valere per l’utilizzo di tutte le terapie esistenti, che se sono considerate medicine devono necessariamente essere in grado di aiutarci a stare meglio e non a stare peggio, nel nostro paese queste pratiche vengono sempre affidate a medici ed erboristi professionisti.