I semi di chia: semi della forza

semi della forza

Si tratta di semi dai colori diversi, variano dal grigio al marrone, ci sono anche delle tipologie di colore bianco, in ogni caso varia solo il colore, perché le proprietà di questi magici piccoli semi, rimane la stessa, sembrerebbe che quelli bianchi abbiano un sapore leggermente più gradevole. Si tratta di semi ricchi di sostanze nutritive davvero importanti, vitamine e sali minerali, oltre che proteine e carboidrati, un insieme di nutrienti che hanno portato i semi di chia, già dall’antichità, a considerarli i semi della forza. Ogni semino di chia ha tutte le sostanze che servono al nostro corpo per funzionare nella maniera migliore, unico appunto. Meglio scegliere la farina che i semi,mèche si hanno problemi di digeribilità, con la farina la percentuale di assorbimento di alza fino all’ottanta per cento.

Quindi se inseriti nella maniera corretta alla nostra alimentazione,mossi amo solo godere degli innumerevoli benefici che questi semi ci donano. Cominciamo elencando tutte le proprietà terapeutiche di questi piccoli semi, che contribuiscono ad equilibrare la pressione del sangue, essendo ricchi di sali minerali, quindi particolarmente indicati se si soffre di ipertensione. Inoltre, i semi di chia fanno molto bene anche all’intestino, per un funzionamento regolare, in quanto assorbono molta acqua e riescono a raccogliere le tossine del corso, favorendo un transito intestinale migliore.
Inoltre, sempre più spesso si sente parlare di malattie alimentari, come la celiachia, per intolleranze di questo tipo, i semi di chia vengono sempre consigliate soprattutto perché ricchi di carboidrati, la stessa cosa per chi soffre di diabete o glicemia alta, in quanto i semi di chia hanno un basso contenuto glicemico.

I semi di chia per dimagrire contengono anche importanti lipidi, ma si tratta dei benefici omega 3, che a loro volta svolgono importanti funzioni di rafforzamento e pulizia del colesterolo cattivo, aumentando quello buono. Servono anche a combattere la degnerà suine cellulare e nel complesso aiutano a mantenere un equilibrio psicofisico. Sembra che gli effetti positivi non si fermino agli organi interni, ma anche al sistema nervoso, utilizzati per combattere depressioni e altri problemi, questi semi si dimostrano capaci di molto.

Le origini antiche

Le origini dei semi di chia, non sono europee ma provengono dal centro a merci, Messico e Guatemala, e sono contenuti all’interno della Salvia Hispanica, una pianta con molti fiori. I Maya e gli Aztechi furono tra i primi popoli a conoscere gli enormi benefici di questi semi, che venivano utilizzati dai guerrieri per resistere anche un giorno interno,me da qui il loro soprannome ‘semi della forza’. Le popolazioni locali li coltivavano, utilizzavano e li usavano anche come offerte ai loro dei, quindi dei semi molto importanti e sacri. La storia poi racconta che i conquistadores spagnoli si furono ingiustamente appropriati dei semi, cominciando a coltivare solo frumento e orzo in quelle zone, e forse perché si resero conto degli effetti prodigiosi di questa pianta sul corpo. Ad oggi, coltivazioni locali di questi preziosi semi resistono ancora, commercialmente, si trovano in particolare modo nelle erboristerie e negozi di prodotti naturali.

Estrattore di Succo: il miglior modo di bere la frutta

estrattore di succo il miglior modo di bere la frutta

In teoria la frutta e la verdura contengono delle sostanze nutritive che fanno molto bene al nostro organismo, certo, e sicuramente se si tratta di frutta organica, e non bombardata di pesticidi oppure geneticamente modificata, per resistere a quello che abbiamo creato ancora noi. In questo mondo ricco di paradossi, rimane il fatto che sicuramente la frutta e la verdura organica fanno bene, delle ultime ricerche attribuiscono alla frutta e alla verdura problemi di digestione, in quanto le cellule che compongono la frutta non sono facilmente assimilabili, e se a questo ci si aggiunge che molte volte la buccia non basta lavarla ma va eliminata, arriva un ottimo alleato ad aiutarci. Per fare in modo di riuscire ad avere tutti i nutrienti dal mondo vegetale, nella maniera più sicura bisognerebbe utilizzare un estrattore di succo.

Questo marchingegno esiste da moltissimo tempo, e sotto forme diverse, e questo perché entrambi questi alimenti sono risaputa mente ricchi di sostanze moto importante per mantenere il nostro corpo in un buon equilibrio. A livello salutare, un succo estratto e bevuto al momento è la scelta migliore da fare, soprattutto per il corpo, perché in questo modo le fibre della frutta diventano molto più digeribili e assimilabili. Si sente anche moto spesso parlare di centrifughe, e non estrattori di frutta, i due elettrodomestici sono diversi tra loro, non solo per caratteristiche, ma soprattutto per il risultato finale.

Le centrifughe sono più veloci, ma la frutta e la verdura perde una parte dei nutrienti, infatti, gli estrattori riescono a raccogliere almeno il 20% di succo in più, rispetto alle centrifughe, anche se gli estrattori lavoro poco più lentamente. Il risultato finale e anche molto diverso, perché le centrifughe fanno dei succhi più densi, mentre gli estrattori molto più simili alla consistenza dell’acqua. Inoltre, mentre un succo fatto con un estrattore può essere lasciato per due giorni senza problemi in frigorifero, uno fatto con la centrifuga no, proprio per il tipo di movimento diverso che queste due macchine svolgono per estrarre il succo. La centrifuga fa un movimento tale che le fa inglobare aria, e il succo tende ad ossidarsi in poco meno di un quarto d’ora, mentre un estrattore no. La nota positiva di entrambi è la loro capacità di trasformare la frutta e la verdura in cibi digeribili, e facilmente assimilabili.

Perché fa così bene?

Un estrattore di frutta rende quindi il cibo molto più assimilabile e questo perché il succo estratto è ricco di tutte le sostanze nutritive, inoltre quando si parla di facile assimilazione, si deve pensare che generalmente la frutta e certi tipi di verdura, in particolar modo, necessitano di ore per essere digerita così come è, mentre una volta che si beve solo il succo le cose cambiano, bisogna anche pensare che la digestione rappresenta un lavoro di per se, e il nostro corpo riesce ad assimilare una piccola parte dei nutrienti nei vegetali.
Tutta un altra storia quando si parla di succo estratto e bevuto fresco, in questo caso, il nostro corpo garantisce più del 60% di assimilazione è una digestione che avviene in meno di un quarto d’ora.

Le friggitrice che fa al caso nostro!

friggitrice che fa al caso nostro

Diciamo la verità, ogni volta che sentiamo odore di fritto ci viene appetito, la frittura oltre a donare incredibile croccantezza al cibo, si combina molto bene con lo stesso, e il sapore delle nostre pietanze preferite fritte non ha rivali, pensiamo infatti alle patate, non possiamo negare che una porzione di patate fritte non è più invitante di una di patate bollite, così come per il resto, le cotolette e le verdure, volendo potremmo fingere tutto, ma non fa per niente bene, anche perché si usa solitamente un olio vegetale, per cui si tratta di alimenti che diventano ricchi di grassi. Ogni tanto va bene indugiare, e per questo motivo, invece di utilizzare le padelle e sprecare molto olio, un acquisto intelligente potrebbe essere quello di una buona friggitrice. Avete presente il tipo di frittura che provate nei ristoranti?

Non è uguale a quella che esce nella padella, perché si tratta della frittura di una friggitrice, che dona un sapore davvero unico alle nostre potenze fritte. Una friggitrice professionale da poter tenere a casa permetterà di raggiungere gli stessi risultati di un ristorante, e anche per il mondo domestico la gamma di prodotti è davvero molto varia. Le friggitrice domestiche, ma professionali, possono avere due forme, si sviluppano in altezza oppure il larghezza, la scelta dipende dallo spazio a disposizione, perché il risultato sarà lo stesso, ovviamente bisogna anche fare i conti con la qualità e la marca.

Esistono comunque friggitrici di grandezze diverse, e variano anche in base alla capienza interna. Sono solitamente dotate di un cestello che serve per mettere le pietanze e tirarle fuori una volta che la friggitrice avrà fatto il suo lavoro, vengono poi completate da un timer e un termostato per tenere sotto controllo la frittura. Le friggitrice sono anche ideate per prevenire lo stagnante odore di fritto, e hanno in dotazione un filtro speciale,e per la rimozione di odori, che va lavato di tanto in tanto; inoltre, tutte le friggitrice sono munite di questo filtro, solo che non in tutte può essere estratto e pulito, si consiglia la scelta della seconda tipologia.

Cosa ne sappiamo della manutenzione?

La friggitrice è un elettrodomestico molto apprezzato e utilizzato, lavora da sola, incorpora gli odori e si dimostra davvero un ottimo alleato nelle nostre cucine. Si consiglia di acquistare un prodotto omologato e con garanzia, ci sono molte marchi e modelli tra i quali poter scegliere, ma si consiglia sempre di fare attenzione alla manutenzione. Come ogni altro elettrodomestico che necessiti di una minima manutenzione, la friggitrice va tenuta nel modo giusto. Il cestello andrebbe lavato ad ogni utilizzo, anche per evitare le incrostazioni, molto faticose da rimuovere con il passare del tempo, una volta pulito asciugarlo con cura, la stessa cosa vale per filtro, che intrappola grassi e residui, da lavare e asciugare con cura, prima di re-inserire all’interno della macchina. Infine, leggere sempre le informazioni sul prodotto, molto utili per capire cosa fare per utilizzarlo sempre al massimo della sua potenzialità.

Le proprietà della Maca Peruviana

proprieta della Maca Peruviana

Sempre più persone decidono di affidarsi a metodi naturali, piante e radici per migliorare il loro equilibrio psicofisico, e questo ha quindi portato alla reintroduzione di metodi tradizionali antichi, ad una utilizzo moderno, in effetti il fatto di vedere vecchietti in piena forza e salute in cima a montagne di 2000 metri, e senza avere tutti i nostri confort fa davvero pensare, e questo è l’esempio che si adatta meglio alla storia di oggi, che parte dalle fredde e ventilate Ande, con un clima abbastanza rigido per tutto il corso dell’anno, e per questa ragione si affidano a ciò che hanno vicino per resistere meglio alla situazione, e in particolare modo nell Ande cresce una pianta molto particolare, molto forte, della quale si raccontano i magici effetti della sua radice. Si tratta di una radice che al suo interno contiene le sostanze nutritive più importanti per il nostro organismo, un mix benefico di sali minerali e vitamine, che aiuta a resistere alla fatica, e ha altri mille effetti benefici sul nostro organismo.

Come l’olio di cocco o i semi di chia, la Maca peruviana ha delle proprietà che aiutano il corpo e la mente a trovare un equilibrio maggiore, un vero completo tocca sana. Anche chiamato ginseng peruviano, la Maca ha moltissimi altri benefici, come stimolare l’aumento di concentrazione e la nostra memorie, oltre che agire positivamente su tutto il nostro sistema nervoso. Per prima cosa si tratta di una pianta ricca di aminoacidi essenziali che aiutano a rafforzare il fisico e aumento la nostra resistenza contro la fatica psicofisica, e permette di aumentare anche la massa muscolare,marinai può essere usate anche da chi pratica culturismo essendo una sostanza naturale, quindi rispetto agli anabolizzanti sintetici, un vero rinforzo muscolare completamente naturale.

Continuando con i suoi effetti positivi, abbiamo poi notato che la Maca è ricca di vitamine come il calcio è di altri sali minerali, che sono perfetti per migliorare lo stato di salute delle nostre ossa, molto consigliati ai bimbi quando crescono, e si prestano molto bene anche all’assunzione durante la crescita,more la formazione di ossa sane e robuste, come durante i periodi di gravidanza e allattamento. Sono ideali anche per chi soffre di osteoporosi e di anemia, inoltre riesce a rafforzare in maniera generale tutto il sistema immunitario. Sembrerebbe infine, che tra le proprietà più apprezzate c’è anche la sua capacità di aumentare virilità e fertilità, quindi un aiuto naturale per entrambi, in più alle donne riesce ad essere un sollievo per i dolori mestruali e riesce a regolarizzare il ciclo.

Dove si acquista?

Infine, si tratta di un alimento che non continente caffeina o altri stimolanti che potrebbero nuocere alla salute, al contrario si tratta di uno degli stimolanti naturali più benefici.
La Maca può essere acquistata principalmente in polvere o compresse, e diciamo che come il resto delle cose naturali, non costa poco. Se si decide di comprare la polvere, si può diluire nell’acqua o nel latte, ha un gusto dolciastro, quindi non disturberà il palato. Un alimento davvero consigliato.

La tecnologia innovativa dei Video Proiettori

tecnologia innovativa dei Video Proiettori

I video proiettori sono ottimi compagni dei nostri salotti, e riescono a trasformare l’intrattenimento domestico, grazie al fatto che favoriscono la grande visione, e sembra quindi di potare il cinema all’interno delle nostre mura. Quindi per riuscire a completare un impianto home theatre a dovere, serve necessariamente acquistare un buon proiettore, e in realtà lo si può utilizzare non solo per guardare un film, ma anche per giocare ai videogame preferiti oppure ascoltare della buona musica, guardando un video sul maxi schermo, oppure guardare la propria squadra del cuore. La visione di un proiettore è davvero molto buona, anche se c’è ne sono di modelli diversi sul mercato, per fare la scelta giusta, bisogna sapere cosa scegliere, anche in base agli elementi che li costituiscono, per cui si tratta davvero di una scelta non così semplice.

Partiamo con le caratteristiche che li definiscono, per prima cosa, esistono due categorie principali, ci sono gli LCD e i DLP; i primi, rappresentano la tipologia alla portata di tutti, e funzionano grazie ad un prisma posto al loro interno in gradi di scomporre il fascio di luce e di direzionarlo verso un secondo filtro che andrà a creare l’immagine, questi sono poi i pixel che compongono l’immagine stessa. Per riuscire a trovare un buon equilibrio di definizione immagine, i video proiettori permettono di modificare la nitidezza delle immagini, il colore e le sfumature, proprio per riuscire ad aumentare la definizione delle immagini; la seconda categoria di video proiettori, invece, la DLP è più costosa ma promette anche delle prestazioni maggiori.

La tecnologia che ha alle spalle è più innovativa rispetto ai video proiettori LCD, e quindi i DLP permettono di avere delle immagini più nitide, di non soffrire i contrasti di luce e di ottenere delle immagini ad alta definizione. Non funzionano con prismi e filtri, ma con un chip ottico, il DMD, che funziona tramite dei micro-specchi collocati all’interno del video proiettori, in grado di proiettare immagini nitide, luminose e ben definite. Inoltre a differenza di un proiettore LCD, quello DLP non soffre del problema di immagini pixellate.

Gli elementi più importanti

Ora, la scelta della tipologia varia a seconda di esigenze personali, ma rimangono comunque delle caratteristiche molto importanti per tutti i proiettori, quali la luminosità, il contrasto e la risoluzione. La luminosità rappresenta un parrà entro molto importante perché da questo dipenderà quanto vivida e colorata sara l’immagine, questa caratteristica rimane fondamentale se si vuole utilizzare il proiettore in stanze buie oppure no, quindi dipende molto dalla sua collocazione.

La luminosità e il contrasto lavorano in maniera molto simile tra loro, nel senso che i contrasti di colore, il rapporto di contrasto diventa importante per illuminare o ombreggiare le immagini, quindi regolare anche la luminosità del colore. Infine, la risoluzione, che riguarda la definizione delle immagini, e questo dipende molto dalla scelta di una risoluzione standard o di una HD, ma rimane comunque un parametro che si sceglie in base ai propri bisogni.

Il regola barba per cambiare look!

regola barba per cambiare look

Sembra che sempre più donne apprezzino il fascino accattivante di un uomo con la barba, dona un aspetto più maschile e molto intrigante, sopratutto se si tratta di quella lunghezza che si può anche definire come barba trasandata o incolta, anche se molto spesso dietro quella apparente non curanza, ci sono uomini alle prese con saponi per barba, balsami, pettini e gli immancabili regola barba. Il problema del rasoio è che richiede molta precisione ed un utilizzo giornaliero, se si vuole mantenere un look impeccabile, perfetto e super liscio, mentre un buon regola barba permette di variare a seconda di come si vuole apparire. Quindi via a Pizzetti, o solo baffi, oppure baffetti, o barba ‘ incolta’, insomma tutto quello che può servire per non avere sempre la faccia completamente liscia, e senza un pelo, gusti permettendo ovviamente.

Quindi, ritornando al nostro regola barba, in commercio c’è ne sono davvero moltissimi e variano di molte caratteristiche, hanno comunque le stesse componenti, è però importante capire le differenze e le specifiche, in maniera, da fare il giusto acquisto al primo colpo,se c’è ne fosse necessità. I regola barba hanno poche ma essenziali differenze tra di loro, e cominciamo con il tipo di lame, se ne trovano infatti, con lama in acciaio e in titanio; nel primo caso, i modelli nuovi sono stati creati in maniera da resistere all’usura del tempo, e sono auto lubrificanti, se si acquista un modello base, molto probabilmente sarà necessario lubrificarle e asciugarle bene dopo l’utilizzo, per evitare di rovinarle. I regola barba con lame in titanio sono molto più duraturi e solidi, perché queste lame sono di qualità maggiore, e solitamente più costose.

Un altro fattore molto importante per un regola barba è il tipo di alimentazione, cioè la sua batteria, e ne troviamo di due tipologia, quelle di nichel idruro di metallo, che necessitano una carica molto lunga, prima di essere utilizzate, e rischiano di perdere potenza, dopo un utilizzo costante, e le batterie più recenti che sono al litio, hanno il vantaggio di durare molto, si ricaricano al massimo in un ora circa e sono ideali se si ha intenzione di utilizzare il regola barba in maniera frequente. Generalmente, i primi due parametri ai quali si fa riferimento quando si acquista un regola barba sono le lame e le batterie, ma se si è interessati anche ad un look diverso, e si vogliono sperimentare Pizzetti e baffi, per ottenere un risultato ideali, bisogna fare attenzione anche ai rifinitori di precisione e alla lunghezza del taglio che consente il regola barba. Il rifinitore di precisione si dimostra molto utile per un lavoro ultimato a prova di barbiere fai da te, riesce in maniera perfetta a definire barbe e baffi dalle forme particolari, e solitamente si trovano in testine intercambiabili, che permettono anche di rasare i capelli.

L’importanza della lunghezza del taglio

Per ultimo, ma non per importanza, la lunghezza del taglio, considerato che molti regola barba permettono di tagliare da lunghezze di millimetri fino a venti entri. Un dettaglio da tenere sempre in considerazione, soprattutto per evitare di fare un acquisto sbagliato.

Pulizia dentale completa con lo spazzolino elettrico!

pulizia dentale completa con lo spazzolino elettrico

L’igiene dentale deve essere presa in considerazione molto seriamente perché si tratta di un aspetto molto importante della nostra salute, e se vogliamo mantenerlo sano in maniera naturale per più tempo possibile, per prima cosa dobbiamo utilizzare un buon spazzolino, indipendentemente che sia quello tradizionale manuale oppure uno elettrico e più sofisticato. Anche manualmente infatti si può svolgere una pulizia dentale completa e molto soddisfacente, ma se si ha poco tempo a disposizione e ci si vuole assicurare un sorriso sano e perfetto, allora la scelta migliore da prendere è proprio quella di un ottimo spazzolino elettrico. Al contrario di quello manuale infatti, quello elettrico ha delle testine che ruotano molto velocemente riuscendo a pulire a fondo i denti senza bisogno di muovere troppo né il polso, né lo spazzolino.

Quindi come avrete già sentito, ci sono davvero moltissime Marche più o meno famose che producononsoazzolininelettrici di alta qualità, ma ci sono dei suggerimenti fondamentali che abbiamo deciso di riportare su questo articolo, in maniera tale da poter agevolare in maniera efficace la scelta del proprio spazzolino elettrico. Cominciando ad elencare i pro e i contro degli spazzolini elettrici, consigliamo subito di acquistarne uno dalle batterie ricaricabili, perché in caso contrario diverte ricomprare sempre la batterie, mentre con uno ricaricabile tramite una base il gioco è fatto e basterà solo riappoggiarlo alla base per consentire alle batterie di ricaricarsi, può darsi che così facendo spendiate di più all’inizio, ma risparmierete nel tempo,more il costo del cambio batterie. Inoltre, i modelli più moderni sono creati con delle batterie al litio, che durano molto più a lungo rispetto alle batterie tradizionali e garantiscono prestazioni costanti.

La ricarica delle batterie al litio avviene molto velocemente e una volta caricato lo spazzolino funziona anche per settimane, quindi ottima resa. Un altro suggerimento riguarda le testine intercambiabili, cosa che verrà spiegata anche per denti e gengive sensibili, si tratta di una prerogativa molto importante, perché molte volte le testine sono davvero costose e i ricambi non si trovano facilmente, quindi assicurarsi di acquistare uno spazzolino con già all’interno almeno una testina intercambiabile, e che sia poi facile trovarne altre, quando quelle si usurano. Infine, se vi state chiedendo se acquistare uno spazzolino elettrico o manuale, oppure un idropulsore, conviene averli entrambi perché svolgono funzioni assolutamente diverse, perché uno getta l’acqua secondo una certa potenza per facilitare la rimozione dei residui di cibo o altro, che poi lo spazzolino porterà via, o viceversa, prima spazzolino e poi idropulsore.

Cosa fare per i denti e gengive sensibili?

I denti e le gengive sensibili potrebbero avere qualche problema all’inizio con gli spazzolini elettrici, ma esistono modelli creati con setole morbide, l’importante è ricordarsi di non premere troppo sulle gengive o sul dente, anche perché non è così che i denti si puliscono meglio. Se, in ogni caso, si soffre di denti e gengive sensibili, utilizzare uno spazzolino elettrico setole morbide e pulire i denti con delicatezza.

Il seggiolino per auto davvero sicuro!

seggiolino per auto davvero sicuro

In macchina bisogna sempre avere molta prudenza, e forse ancora di più se dietro i nostri sedili ci sono i nostri figli, ancora piccoli, che per stare ben fermi hanno bisogno di un buon seggiolino per automobili. La macchina è purtroppo indispensabile in molte circostanze, anche per la mancanza di autotrasporti pubblici che permettono spostamenti facili per genitori con passeggini o carrozzine, ma nel nostro bel paese, facciamo molto più affidamento sulle macchine, che ci portano velocemente dove vogliamo andare.

Ora, velocemente per modo di dire, almeno senza stop come per gli autobus o il tram, per esempio, le macchine sono molto comode per andare a fare la spesa o viaggiare, e per qualsiasi evenienza, se si ha un bambino piccolo, basta assicurarlo al suo seggiolino e andare dove si deve. Nella maggioranza dei casi i seggiolini vengono messi nei sedili posteriori, e agganciati ai sedili, si tratta di prodotti ideati per la sicurezza dei bimbi a bordo, per cui hanno tutto ciò che serve per permettere ai genitori di guidare tranquillamente. Purtroppo, gli incidenti possono verificarsi anche se i genitori hanno tutto ciò che serve, ma questo dipende molto dalla presenza di pericolosi pirati della strada.

Quindi per prima cosa assicurarsi di acquistare un seggiolino a norma di legge, solitamente sono formati da tre parti, la seduta dura e resistente che si aggancia ai sedili, un cuscino morbido e l’imbracatura, che avvolge tutto il corpo del bambino, spalle, schiena e gambe. I materiali sono diversi,micosi come i prezzi, ma questo dipende anche molto dalle Marche e dalla qualità dei materiali. Ci sono inoltre seggiolini che variano di dimensione a seconda dell’eta del piccolo, per cui assicurarsi di fare l’acquisto giusto e di cambiarlo se diventa troppo piccolo, ne avrà bisogno per qualche anno. Per quanto riguarda colori e fantasie, non c’è da preoccuparsi, la gamma in commercio permetterà di soddisfare tutti i gusti e le necessità, in linea generale, non si tratta di un prodotto a basso costo, ma rimane un acquisto fondamentale.

Sedile anteriore o posteriore?

Partiamo dal presupposto che secondo la legge italiana, il genitore può decidere di tenere il bambino dove vuole in macchina, a patto che sia ben assicurato su un seggiolino omologato.
A parte questo, quindi ci sono le considerazione assolutamente personali dei genitori che scelgono dove mettere il piccolo. Probabilmente, lo tiene davanti perché si vuole tenere tutto sotto controllo, e quindi avendolo vicino, soprattutto quando molto piccolo si può anche tranquillizzare più facilmente; c’è chi invece decide di tenerlo nella parte posteriore, ma non dietro il guidatore bensì dall’altro lato, quello del marciapiede considerato quello più sicuro.

Da una parte però il sedile posteriore viene anche condannato perché sembrerebbe che può essere più pericoloso per il genitore alla guida intento a prendere il ciuccio caduto o il biberon.
Rimane comunque una scelta a discrezione del genitore, in ogni caso, la prudenza non è mai troppa soprattutto con il piccolo in macchina.

Il seghetto alternativo a prova di presa

seghetto alternativo a prova di presa

Se vistate avventurando nel mondo del fai da te domestico, volete mettere una nuova ringhiera di legno attorno al vostro giardino, o vi state solo appassionando di bricolage domestico, un ottimo attrezzo che potrà velocizzare il vostro lavoro è il seghetto alternativo, in grado di tagliare con precisione non solo il legno, ma anche la plastica e i metalli. Funziona in maniera molto semplice, composto da una lama e da un motore che si aziona e sposta la lama in maniera da tagliare diritto, ma anche obliquo e curvo, dipende dagli accessori che si utilizzano.

È creato con impugnatura ergonomica, e basterà tenere saldo i pezzi da tagliare e azionare il seghetto alternativo, facendo sempre molta attenzione durante il taglio. Molto dipende dalle qualità delle lame e dalla loro scelta, essendo diverse, vanno usato per il tipo di materiale giusto, altrimenti si rischia di rovinare le lame e di fare un cattivo lavoro. In commercio, si trova una vasta gamma da cui poter scegliere, e si tratta di attrezzi che si trovano a basso prezzo, rispetto a molti altri, ovviamente la qualità si paga sempre, ma nel caso dei seghetti alternativi si trovano prodotti ad un buon rapporto qualità prezzo.  Poi bisogna ovviamente tenere in considerazione gli accessori, se in dotazione oppure no, perché ovviamente anche quelli hanno un costo, anche se permettono di poter utilizzare un attrezzo in maniera molto più completa.

La stessa cosa vale per i materiali che lo compongono. Esiste una grande differenza tra le lame, elemento fondamentale, così come il motore, che si riferisce alla resistenza del seghetto, ossia per quanto può essere utilizzato senza farlo surriscaldare, quindi i materiali e il motore sono altre caratteristiche da tenere sempre in considerazione. Il wattaggio del motore quindi, definisce anche la resistenza di tutto l’attrezzo, e questo permette di poterlo utilizzare per più tempo, senza che perda di potenza. In generale, non ha mai molto senso cercare un piccolo risparmio, soprattutto se poi si rischia di no riuscire ad utilizzare un attrezzo come si desidera, e per il tempo che si desidera, al contrario, vale la pena di spendere qualcosina in più, ma di avere la possibilità di utilizzare al meglio delle sue prestazioni.

Cosa non deve mancare?

Un aspetto che non può mancare è la manovrabilità dell’attrezzo, quanto risulta pratico durante il suo utilizzo, un seghetto elettrico alternativo deve essere facile da utilizzare e non deve dare problemi di nessun tipo, quindi è necessario che sia facilmente impugnabile e con manico anti-scivolo sarebbe davvero ideale, perché le mani tendono a sudare durante questi lavori, e si perde attrito e forza. Infine, quando si acquista un attrezzo di questo tipo, non può mai mancare una buona garanzia, la facilità di reperire lame e accessori, è una buona lunghezza del cavo, che deve essere di almeno tre metri, per poterlo utilizzare in maniera davvero agevole. All’interno troverete sempre un manuale con delle istruzioni per usarlo nella maniera giusta, e mantenerlo.

La rivoluzionaria torcia led

rivoluzionaria torcia led

Le torce ci aiutano sin dalla notte dei tempi ad avventurarci al buio, e mentre quelle torce erano infuocate, oggi le torce hanno assunto molte varianti, da un punto di vista di forma e luminosità, per riuscire ad adattarsi perfettamente a tutte le nostre esigenze. Le torce ci aiutano quando perdiamo qualcosa sotto il divano, oppure quando salta la luce i casa per sovraccarico, per raggiungere i bagni la sera in campeggio, oltre che ovviamente per tutti gli utilizzi professionali, ma da sempre l’uomo ha cercato un modo per vedere al buio, e le torce sono sempre state ottime alleate.

Potrà sembrare un impresa di poco conto cercare una nuova torcia per la prossima vacanza in campeggio, ma addentrandosi nell’universo delle torce, soprattutto oggigiorno, ci si rende ben presto conto che non si tratta di un gioco da ragazzi. La tecnologia vanta in tutte le forme, e le torce non potevano essere certo meno a tutto ciò, quindi in commercio ci si trova davanti ad una gamma molto vasta di scelta. Se avete ancora in mete le vecchie torce, le pile. Quelle con una luce debole, o troppo forte,mi somma, quelle sacche si usavano fino a qualche tempo fa, che sono state di recente rimpiazzate dalle torce led. Ci sono molte domande che potete porvi, ma ci sono poi quelle giuste, stai cercando una torcia di che dimensione? Che tipo di alimentazione? Quanto vuoi spendere?

Queste tre semplici domande, ti aiuteranno ad eliminare molte delle scelte sul mercato, in maniera tale da rendere la tua ricerca leggermente più semplice. Ma non è tutto, l’importante è sempre sapere di cosa si ha bisogno, perché in base a quello cambierà anche il prezzo e le caratteristiche della tua torcia. Per esempio, una domanda che si pone molto spesso riguarda la luminosità della torcia, le torce led sono tra le più sofisticate e molte di queste ti permettono di poter cambiare il tipo di luce così come la sua intensità, regolandola, e la stessa cosa vale sulla possibilità di utilizzare le torce led anche sotto il mare, si tratta di torce con un autonomia che arriva ai 30 minuti e varia rispetto alla profondità.

Quale ricarica?

Un altra caratteristica fondamentale della scelta di una torcia, oltre alle fatidiche tre domande elencate sopra, riguarda la scelta delle batterie, ci sono torce con batterie ricaricabili e non, anche qui la scelta cade sulla necessit personale… La scelta del tipo di alimentazione varia rispetto al modo in cui si intende utilizzare la torcia, per cui, se si ha solo necessità di luce di emergenza in casa o in macchina, allora sarà sufficiente acquistare una torcia con delle batteria usa e getta, perché durano molto nel tempo, e si scaricano molto poco quando non vengono utilizzate. Mentre se la faccenda riguarda un ambito professionale, non sarà sufficiente fare affidamento sulle batterie usa e getta, perché si dimostrano poco affidabili, al contrario, se si scelgono batterie ricaricabili si può stare tranquilli sulla durata delle batterie.

Allenamento con le scarpe da trekking

allenamento con le scarpe da trekking

Se stai pensando al tipo di scarpe da trekking perfette per le tue escursioni domenicali, oppure se stai pensando di cambiare tipologia di percorso e non sei sicuro sulla scelta da prendere al riguardo, abbiamo ben pensato di raccogliere in questo articolo, mini-guida, una serie di informazioni preziose che riguardano le differenze tra le varie scarpe da trekking e da cosa sono costituite. Le scarpe da trekking quindi, variano di forma, ma anche di elasticità e materiali, cominciamo con le scarpe alte, che avvolgono la caviglia, assicurandola, ideali per sentieri di media difficoltà, ci sono poi quelle medie, le mid, che offrono un sostegno adeguato ma anche possibilità di muovere meglio la caviglia, e possono essere usate in sentieri più semplici, la stessa cosa vale per quelle basse, che possono essere utilizzate anche in percorsi urbani, e solitamente su percorsi abbastanza facili, permettendo enorme agevolezza. Ci sono poi le scarpe da trekking perfette per che vuole praticare alpinismo e avvicinamento a livello professionale, perché queste scarpe riescono ad avvolgere il piede, non devono essere particolarmente flessibile, ma al contrario sono create con una Inter-suola rigida che dona una tenuta stabile.

Sono adatte ai percorsi particolarmente difficili, e possono essere utilizzate in condizioni di neve e ghiaccio, insieme e a dei ramponi, ovviamente. Poi esiste un altra categoria di scarpe da trekking, chiamata Trail Running che definisce le scarpe create per chi corre in sentieri urbani e di montagna, attraverso percorsi facili, hanno una caratteristica particolare, la loro suola viene creata per attutire la corsa, quindi un ottimo risultato per riuscire a correre dimezzando lo sforzo. Solitamente, le scarpe da trekking sono create con una membrana impermeabile che consente di indossarle anche quando piove, perché il piede rimarrà asciutto, inoltre si tratta di scarpe impermeabili e anche traspirabili.

La membrana infatti svolge una doppia funzione, da una parte non permette all’acqua di entrare in contatto con il piede, e dell’altra rimane assolutamente traspirabile.
Tutti avranno sicuramente sentito parlare di questa membrana, il Gore-Tex, che in effetti si sente molto spesso, ma forse pochi conoscono le sue proprietà, inoltre si tratta di un tessuto sintetico, non naturale, ma dalle buone proprietà. Le scarpe da trekking sono scarpe create per un utilizzo principalmente agonistico, ma chiunque anche facendo corsa al parco, può provare ad utilizzare le scarpe giuste e di qualità.

Abbi sempre pazienza agli inizi…

Ci sono moltissime varianti in commercio, quindi meglio so aere da subito che tipologia di potrà utilizzare per la maggiore, essendo scarpe tecniche e particolarmente qualitative sarebbe meglio assicurarsi di fare l’acquisto più azzeccato al primo colpo, anche perché parlandoci chiaro non si tratta di una scelta che costa poco, per questa ragione dovete fare particolare attenzione. Ultimo punto, quando avrete fatto il vostro acquisto, abbiate pazienza soprattutto nei primi tempi del loro utilizzo, la scarpa si adatterà in poco tempo alla forma de, vostro piede e potrete utilizzarla nel migliore dei modi.

Grattare facile con le grattugie elettriche

grattare facile con le grattugie elettriche

Diciamo la verità, è difficile se non impossibile, non trovare dei bei pezzi di formaggio parmigiano o grana padano, nei nostri frigoriferi, siamo grandi consumatori di queste tipologie stagionate e li utilizziamo molto spesso per insaporire i nostri cibi. Trattandosi di formaggi stagionati, risultano anche molto duri, e per grattarli nel migliore dei modi serve una grattugia, le cose cambiano quando si tratta di una grattugia elettrica, che permette di eseguire un lavoro a regola d’arte oltre che ad essere molto più veloci e meno pericolose di quelle manuali.

Non so voi, ma a me è capitato molte volte di grattarmi un pezzo di pelle, insieme al formaggio, mentre se si utilizza una grattugia elettrica tutto questo non potrà mai capitare. Oggigiorno, si trovano grattugie elettriche di tutte le dimensioni, si tratta di ottimi alleati nelle cucine, in grado di velocizzare molto il lavoro, inoltre, hanno capienze diverse, e si adattano ad utilizzi anche per grandi famiglie, quindi permettono anche di grattare buone quantità da mettere in frigorifero per due tre giorni, in maniera da non dovere grattare il formaggio ogni giorno, e magari anche due volte, a pranzo e cena,

In commercio, esistono molte grattugie elettriche diverse tra loro, se si dovesse creare una categoria, diciamo che se ne identificano principalmente 4 tipologie. La prima, modello base, composta da un rullo, solitamente in acciaio e una struttura di plastica, con un impugnatura per la mano, un altra tipologia è n quella a baule, con rullo in acciaio, e un contenitore che consente di inserire il formaggio che verrà poi depositato in un secondo contenitore, posto in basso ed estraibile. Un altra tipologia di grattugia è quella che funziona direttamente sul formaggio, e può grattarlo anche su un piatto, mentre una quarta tipologia è una grattugia elettrica con lame, e non rullo di acciaio, e si utilizza inserendo il formaggio al suo interno, solitamente a forma di uovo per intenderci. Quindi, le grattugie elettriche sono state create con tipologie diverse, ma riescono tutte a grattare il formaggio nel modo giusto, quindi la scelta poi si riferisce alle esigenze personali.

Le caratteristiche principali

Anche se, come abbiamo visto, svolgono tutte la stessa funzione, non hanno tutte le stesse caratteristiche, e per fare un acquisto mirato meglio conoscere le loro differenze, cominciano con la prima tipologia descritta qui sopra, cioè quelle simile al famoso Grati, ecco queste grattugie sono molto comode perché permettono di estrarre il rullo e smontarle, in maniera da poterle lavare comodamente anche in lavatrice. Hanno comode batterie che si possono ricadute, e funzionano senza filo, possono quindi essere utilizzate molto semplicemente e riescono a grattare il formaggio sul piatto direttamente, quindi formaggio fresco quando si vuole.

La tipologia a baule, invece, consente di grattare molto formaggio, vanno collegate alla presa di corrente e nonostante la loro forma, nella maggioranza dei casi sono smontabili e alcuni pezzi come il rullo e il contenitore per formaggio lavabili in lavastoviglie. Si tratta di una categorie di grattugie familiari, che vanno posizionate da qualche parte e assicurate grazie ai piedini posti sotto. Si tratta di un piccolo elettrodomestico per utilizzo familiare, quindi serve spazio, anche se ridimensionato per poterlo posizionare, potendolo usare senza problemi. La terza cantoria, quella delle grattugie smontabili è poco ingombrante e ha delle batterie ricaricabili; l’ultima categoria, necessità di corrente elettrica e permette di smontare e di L lavare le lame in acciaio, così da eliminare perfettamente ogni residuo di formaggio.